Fitbit vuole vedere se i suoi dispositivi indossabili sono in grado di rilevare COVID-19

Un paio di settimane fa, Fitbit ha lanciato uno studio in cui volevano vedere se i loro dispositivi indossabili erano in grado di rilevare battiti cardiaci irregolari. Ora sembra che l’azienda voglia vedere se i suoi dispositivi indossabili potrebbero effettivamente essere in grado di fare di più, ad esempio essere in grado di rilevare tempestivamente se chi lo indossa potrebbe avere l’influenza o anche IL COVID-19.

Secondo l’azienda, “I dispositivi indossabili, come i tracker Fitbit e gli smartwatch, sono attualmente utilizzati in studi di ricerca condotti da partner come lo Scripps Research Translational Institute e lo Stanford Medicine Healthcare Innovation Lab per vedere se i dati indossabili possono aiutare a rilevare l’insorgenza precoce di malattie infettive, come l’influenza e il COVID-19, anche prima dell’inizio dei sintomi.”

Non è chiaro come potrebbero essere in grado di farlo poiché i test per COVID-19 richiedono un tampone fisico del canale del naso del paziente, ma forse ci potrebbero essere dati che potrebbero suggerire che l’utente è malato e potrebbe essere mostrare sintomi (che possono essere raccolti da un wearable) che potrebbero essere correlati al virus.

Fitbit non è sicuramente solo in questo perché a marzo, un app chiamato Cardiogram lanciato per l’Apple Watch dove cerca anche di cercare di rilevare se chi lo indossa ha l’influenza, e se potrebbe essere o meno un segno di un’infezione COVID-19.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *